Disavventura per Bruno Vespa e la moglie, bloccati in ascensore alla vigilia della Prima alla Scala

Redazione
08/12/2021

Il giornalista ha poi commentato su Rai 1 il Macbeth diretto da Livermore, che ha fatto discutere anche per la presenza sul palco di un ascensore, al cui interno è stato consumato persino un amplesso.

Disavventura per Bruno Vespa e la moglie, bloccati in ascensore alla vigilia della Prima alla Scala

Dopo un anno di pausa imposto dalla pandemia, il 7 dicembre è tornata la tradizionale e attesissima Prima alla Scala di Milano: nella sempre suggestiva cornice del teatro meneghino, è andata in scena una versione onirica e distopica del Macbeth di Giuseppe Verdi, direzione musicale di Riccardo Chailly, regia di Davide Livermore, scenografia di Giò Forma e animazioni video di D-Wok: l’allestimento ha spiazzato il pubblico della Scala, che ha riservato dodici minuti di applausi, ma anche diversi “buh” e fischi al Macbeth ispirato (per stessa ammissione del regista) a Inception di Christopher Nolan (per la cronaca, standing ovation, e sei minuti di applausi e richiesta di bis per Mattarella). Tra le varie cose, a far discutere molto è stato un ascensore presente sul palco, simbolo appunto dell’ascesa al potere, al cui interno durante lo spettacolo è successo di tutto. Persino un amplesso. La Prima è stata trasmessa in diretta su Rai 1, con il commento di Milly Carlucci e Bruno Vespa, più collegamenti di Stefania Battistini dal foyer: ebbene, proprio ieri mattina il conduttore di Porta a Porta è rimasto chiuso in ascensore insieme alla moglie.

Bruno Vespa bloccato in ascensore, liberato dai vigili del fuoco

L’ascensore in cui Bruno Vespa è rimasto bloccato insieme alla consorte Augusta Iannini non è quello infernale che conduce ai piani alti del potere, presente nel distopico Macbeth di Livermore, ma più prosaicamente quello dell’hotel Entreprise di Corso Sempione a Milano, dove la coppia alloggia in questi giorni. La disavventura è capitata a poche ore dalla Prima della Scala, scala appunto che Vespa avrebbe fatto meglio a prendere visto che l’ascensore non ne voleva sapere di aprirsi: i due sono rimasti bloccati all’interno per oltre un’ora, prima di venire liberati dall’intervento dei vigili del fuoco. «C’è di peggio», ha commentato poi il giornalista Rai, contattato al telefono dall’Ansa, derubricando il piccolo incidente come un banale fuoriprogramma.