Brescia, bambino ferito da un proiettile esploso da una guardia giurata

Debora Faravelli
16/08/2022

Il piccolo è stato ricoverato e operato d'urgenza a Bergamo. Ancora ignoti i motivi per cui l'uomo ha sparato diversi colpi in aria.

Brescia, bambino ferito da un proiettile esploso da una guardia giurata

Un bambino di tre anni residente a Corte Franca, comune in provincia di Brescia, è rimasto ferito da un proiettile esploso da una guardia giurata. Quest’ultima avrebbe sparato alcuni colpi in aria e uno di questi ha raggiunto il piccolo che si trovava vicino ad una finestra.

Bambino ferito da un proiettile a Corte Franca

I fatti si sono verificati intorno alle 23 di lunedì 15 agosto 2022. Secondo quanto ricostruito, una guardia giurata avrebbe fatto partire dei colpi di arma da fuoco in aria colpendo accidentalmente la finestra dei suoi vicini di casa a diversi metri di distanza. Sfortunatamente, il piccolo si trovava vicino al vetro ed è rimasto gravemente ferito dal proiettile.

Immediata la chiamata ai sanitari del 118 che, giunti sul posto, gli hanno fornito le prime cure per poi trasferirlo in codice rosso all’ospedale pediatrico Papa Giovanni XXIII di Bergamo. Qui i medici lo hanno operato e ricoverato in prognosi riservata. Ignote al momento le sue condizioni, i traumi riportati e se sia in pericolo di vita o meno.

Indagini in corso

Presenti sul luogo dell’accaduto anche i Carabinieri di Chiari, che hanno effettuato un sopralluogo e ascoltato i testimoni per poi procedere a trasferire in caserma la guardia giurata per interrogarla. La posizione di quest’ultima è attualmente al vaglio dell’autorità giudiziaria, che sta cercando di capire il motivo che l’ha spinta a far partire i colpi d’arma da fuoco.

Secondo le prime ipotesi non ci sarebbe stata la volontarietà di colpire il bambino ma si tratterebbe di una lesione colposa. I dubbi restano comunque molti e saranno sciolti nelle prossime ore grazie all’interrogatorio dell’uomo e alle testimonianze dei residenti che hanno avvertito gli spari. Secondo le prime informazioni pare che il colpevole non fosse solo ma con due nipotini, e non si esclude che stessero sparando ad alcuni cartelli stradali. É possibile che venga disposta una perizia balistica per calcolare la traiettoria del proiettile.