Berlusconi prepara la campagna elettorale: il programma in otto punti

Debora Faravelli
22/07/2022

Fisco, burocrazia, sicurezza, politica estera, pensioni: il programma in otto punti di Silvio Berlusconi per le prossime elezioni del 25 settembre.

Berlusconi prepara la campagna elettorale: il programma in otto punti

Dopo aver annunciato di essere pronto a tornare in campo, Silvio Berlusconi guarda già alla campagna elettorale e sta preparando un programma in otto punti da depositare al Viminale entro il 12 agosto e sottoporre al giudizio degli italiani. Tra le proposte, quella di aumentare le pensioni e piantare almeno un milione di alberi ogni anno.

Il programma in otto punti di Silvio Berlusconi

Intervistato nel corso del TG5, il leader di Forza Italia ha affermato che si tratta di otto punti fondamentali per far ripartire l’Italia e alleviare le difficoltà e le sofferenze dei cittadini, vale a dire: meno tasse, meno burocrazia, meno processi, più sicurezza per i giovani, per gli anziani e per l’ambiente e una politica estera fondata sui valori del partito. “Un programma che si basa sulla nostra tradizionale lotta alle tre oppressioni – fiscale, burocratica e giudiziaria – e che è molto attento ai più deboli ma anche all’ambiente, che è un tema che diventa sempre più importante“, ha spiegato.

Più in concreto, il piano prevede, tra le altre cose:

  • l’aumento delle pensioni ad almeno 1.000 euro al mese per 13 mensilità;
  • la pensione alle nostre mamme, che sono le persone che hanno lavorato di più alla sera, al sabato, alla domenica, nei periodi delle ferie e che hanno diritto di avere una vecchiaia serena e dignitosa“;
  • l’impegno a piantare ogni anno almeno un milione di alberi su tutto il territorio nazionale.

Programma comune con il centrodestra

Un progetto che verrà presentato insieme alle altre forze politiche del centrodestra, la cui unità “è motivo di grande soddisfazione“. Dopo essersi definito padre della coalizione, si è auspicato che mantenga una connotazione liberale, cristiana, garantista, europeista e schierata con l’Occidente e con l’Alleanza atlantica. Consapevole che è formata da partiti diversi che si presenteranno ognuno con le proprie liste, i propri simboli e la propria identità, ha concluso affermando che “siamo uniti da un buon progetto per migliorare il nostro paese”.