Stefano Grazioli

Stefano Grazioli è nato a Sondrio nel 1969. Dopo la maturità classica al Liceo Piazzi ha studiato a Berlino e Milano, laureandosi in Scienze Politiche all'Università Cattolica. Dal 1993 ha lavorato in Germania per media italiani e tedeschi, prima di trasferirsi in Austria, dove nel 1999 ha conseguito il Master in European Journalism alla Donau Universität. Da oltre vent'anni si occupa di spazio postsovietico come autore freelance per testate italiane e straniere. Ha lavorato a Colonia, Vienna e Kiev. È autore di diversi saggi. Ora vive tra Bonn, Mosca e Sondrio.
l'avvicinamento dell'Ucraina all'Unione europea
La sirena di Bruxelles
La promessa di entrare nell'Ue fatta a Zelensky dai leader europei ha il valore di una pacca sulla spalla. Per anni, prima dell'invasione russa, Kyiv ha congelato le riforme necessarie per l'adesione. Dalla quale fu a un passo solo nel 2013. Ora potrebbe essere troppo tardi.
Guerra in Ucraina, perché la Romania è un alleato ideale per gli Usa
Romania mia
La presenza del presidente Iohannis a Kyiv insieme con Draghi, Macron e Scholz non era casuale. Bucarest rappresenta la nuova Europa, più dura nei confronti di Mosca e più vicina a Washington. Di cui ora più che mai è alleata strategica.
Il rebus ucraino che continua a dividere l'Occidente
Kyiv va là!
Al quarto mese di guerra, l'Occidente è ancora confuso e diviso. Londra vuole attaccare Putin, l'Europa temporeggia offrendo a Zelensky l'ingresso nell'Ue. Mentre Washington dovrà cercare una via d'uscita. Nessuno però sembra capire che il fattore tempo non preoccupa il Cremlino.
La guerra del gas, la dipendenza dell'Europa dalla Russia e le preoccupazioni per l'inverno
Autunno freddo
Finora il taglio dell'import energetico dalla Russia non ha colpito Putin che continua a guadagnare grazie all'aumento dei prezzi e all'Oriente. L'Europa come al solito va in ordine sparso. E già si corre per le scorte invernali. Il punto.
Almeno 300 mila giovani sono fuggiti dalla Russia dopo l'invasione dell'Ucraina
Arcipelago fuga
Dall'inizio dell'invasione dell'Ucraina, almeno 300 mila russi, soprattutto giovani, hanno lasciato il Paese. Tra le cause i timori per la repressione di Mosca contro ogni dissidenza e la mancanza di prospettive lavorative.
Chi sono gli oligarchi ucraini in prima linea contro Putin
Tutto il buono dell'oligarca
La guerra non ha solo spinto magnati ucraini come Victor Pinchuck e Rinat Akhmetov, patron di Azovstal, a schierarsi apertamente contro Putin. Ma ha portato anche a una tregua interna tra Zelensky e i nemici Poroshenko e Kolomoisky. Almeno per ora.
Perché l'attivismo dell'ambasciatore Melnyk può danneggiare Kyiv e i rapporti tra ucraina e germania
Ambasciatore porta pena
Ha attaccato Merkel per i rapporti con la Russia e Scholz per la prudenza nell'inviare armi. E mentre rimproverava alla Germania di aver dimenticato il suo passato, calava un velo sul fascismo e l'antisemitismo ucraini esaltando Bandera e l'Azov. Un attivismo, quello di Melnyk, che alla lunga potrebbe rivelarsi controproducente per Kyiv.
La poca conoscenza della Russia da parte dell'Occidente non aiuta l'Ucraina
A Mosca cieca
«Un rebus avvolto in un mistero dentro un enigma». Così Churchill definiva la Russia nel 1939. Da allora non è cambiato molto, anzi. La narrazione occidentale non riesce a cogliere le reali intenzioni del Cremlino. E se le premesse sono errate, lo saranno anche le soluzioni. L'Ucraina purtroppo non fa eccezione.
Germania, perché il Nord-Reno Vestfalia è il primo vero test per Scholz
La La Land
La vittoria nel Saarland e il flop nello Schleswig-Holstein della Spd non fanno testo. La vera sfida si gioca in Nordreno-Vestfalia, primo banco di prova per il Cancelliere Scholz. Che per riconquistare la regione più popolosa della Germania punta sull'astro nascente del partito Thomas Kutschaty.
Ucraina, la tattica di Putin sui referendum nelle zone conquistate
Moscow Rule
Solo dopo la presa di Mariupol e della direttrice verso Odessa passando per Berdyansk, Melitopol e Kherson la prima fase della guerra potrà dirsi conclusa. Nelle aree conquistate però difficilmente si terranno referendum a breve. Troppo alto il rischio di insurrezioni. E Putin lo sa bene.
I motivi della crisi della Linke in Germania
Broken Linke
I flop elettorali in Saarland e ora nello Schleswig-Holstein dove il partito è rimasto fuori dal parlamento regionale. Lo scandalo Wissler. E le divisioni sull'Ucraina. Così l'estrema sinistra tedesca sta condannandosi all'irrilevanza.
Chi è Hansjörg Wyss, il miliardario svizzero che vuole comprare il Chelsea da abramovich
Veni, vidi, Wyss
Con un patrimonio personale di oltre 5 miliardi di dollari, il mecenate 87enne con business nell'ortopedia e legami con i dem Usa, finanzia attività culturali, ambientali e ricerca scientifica. E ora, assieme a Todd Boehly, ha raggiunto un accordo per acquistare il Chelsea. Il profilo.