la peau douce

Lesse in una lettera che Truffaut scrisse a Godard: “Non faccio mai grandi affermazioni perché non sono mai tanto sicuro che sia giusto anche il contrario”. Amava Truffaut e l’ama tuttora, così come il presunto palindromo celato in quella frase e tutti i comprovati palindromi scoperti in questa vita. Nuotatrice e veterinaria a tempo vinto.
Fermiamoci all'apparenza: la posta al cuore
La paranza inganna, siamo fritti
POSTA AL CUORE. Fermiamoci all’apparenza, scendiamo lì, nessuna ansia da pre-stazione. «La felicità è dire sempre la verità senza far soffrire nessuno». È Fellini, è 8½. Ti ho amato da vivere, non da morire. Da che palpito sviene la prefica.
I complimenti devono essere fisici
Complimento oggetto
LA POSTA AL CUORE. Le lusinghe devono esser fisiche. Devono aver corpo. Per montarci la testa. I bicchieri col fondo spesso delle osterie sono un falso ideologico. «La felicità si racconta male perché non ha parole, ma si consuma e nessuno se ne accorge». Jules e Jim, Truffaut.
riflessioni sulla morte
Trapassato è presente
LA POSTA AL CUORE. Quando qualcuno noto muore, ci si chiede subito quale sia la causa. Ma non si può morire e basta? Che baggianata. Alla mia morte non ci penso mai, alla mia vita non ci penso mai. Sicché sulla mia tomba scrivete: «Giocò sempre d’anticipo in ritardo».
Il cinema di Dino Risi sorpassa i nostri mostri
Se piangi, se Risi
LA POSTA AL CUORE. Il suo cinema però non è remoto manco per niente. Ci fa presente il passato. Sorpassa i nostri mostri: una viltà difficile. Ridere non è altro che un pianto dimenticato. Ma stamani non è così semplice ricordare il nome del popolo italiano. 
abbiamo subito supinamente. Berluscono sdoganò i fascisti
Gioventù scottata
LA POSTA AL CUORE. Berlusconi sdoganò i fascisti. Ci scrissi un palindromo, Silvio in versione dance: “Attesi macarena, nera camisetta”. I migliori della mia generazione son di un’altra generazione. I rimorsi degli altri sono i nostri ricordi.
La messa è finita: ballo e palindromi
Mi concede questo callo?
LA POSTA AL CUORE. In quel magnifico crogiolo di sedimenti che è La messa è finita, si piange quando Don Giulio balla con la sorella e la madre col padre. Ecco il palindromo: “I balli sono monosillabi”.
L'importanza del tatto: sto bene da soda
Sto bene da soda
LA POSTA AL CUORE. Il tatto deve aver poco tatto. Il tatto ha tutti i sensi in sé. Nuotare al mare sta a nuotare in piscina come pomiciare palpando le chiappe sta a pomiciare senza palpare le chiappe.