Giovanni Sofia

Classe '91, professionista. Nato a Messina, laureato in giurisprudenza con una tesi in diritto pubblico comparato sul regionalismo britannico e la devolution in Scozia. Ha studiato alla Scuola di giornalismo della Luiss. Per diverso tempo a Il Messaggero, redazione cronaca di Roma. Appassionato di sport, scriveva di calcio su Gianlucadimarzio.com. Il ciclismo resta il sogno nel cassetto.
Da Casini con la sciarpa del Bologna al flop delle maratone televisive: diario semiserio della corsa al Quirinale
Cosa resterà di questa tornata
Casini con la sciarpa del Bologna, Casellati col vestito dell'elezione a presidente del Senato. Gli show di Mastella e il flop delle Maratone. Ma anche le schede bianche e l'incubo conclave. L'incontro tra Bersani e Bossi unico momento da salvare. Il diario semiserio della corsa al Quirinale.
Vlahovic a breve potrebbe passare dalla Fiorentina alla Juventus, da Baggio a Chiesa: ecco chi ha già fatto lo stesso percorso
Franchi tiratori
Vlahovic è vicinissimo alla Juventus, ma non sarebbe il primo trasferimento sull'asse Firenze-Torino. Dalla guerriglia per Roberto Baggio ai recenti Bernardeschi e Chiesa, la lunga lista dei calciatori passati agli acerrimi rivali.
Dagli interpreti australiani alle donne passando per i cristiani: la difficile condizione di chi è rimasto in Afghanistan
Mancia funebre
L'Europa torna con una "minima presenza" in Afghanistan per affrontare la crisi umanitaria stanziando 268,3 milioni di euro. Mentre i talebani continuano a dare la caccia ad attiviste, cristiani e interpreti locali, come ha evidenziato un report australiano.
le nuove icone pop dello sport
Tamberi battenti
Con gli addii di Federica Pellegrini e Valentino Rossi, il mondo dello sport è alla ricerca di nuove icone. Atleti capaci di vincere e affascinare con atteggiamenti fuori dagli schemi. Da Kyrgios all'altista marchigiano passando per Paola Egonu, chi potrebbe raccoglierne l'eredità.
Rifiuti per strada e buche, anche Parigi deve fare i conti con il degrado dilagante e sui social esplode la protesta
La ville poubelle
Spazzatura per strada, piste ciclabili disseminate di buche e manifesti abusivi ovunque. Anche Parigi, dopo Roma, si trova a fare i conti con un degrado dilagante. Sui social così è esplosa la rabbia dei cittadini, convogliata nell'hashtag ormai virale #SaccageParis.
La Nasa sta lavorando a Orpheus un veicolo in grado di esplorare gli abissi, che potrebbe far luce anche sui misteri dello spazio
Spazi immersi
Le profondità oceaniche e i pianeti del sistema solare hanno numerosi punti in comune. Per questo la Nasa è pronta lanciare in mare Orpheus, veicolo che aiuterà a far luce sui misteri degli abissi e del cielo.
Negli stessi giorni della kermesse canora più attesa, a Sanremo ci sarà il festival della canzone cristiana: tutto quello che bisogna sapere
San Remo
Il direttore artistico è Fabrizio Venturi. Con lui, la Iena Dj Mitch e 24 concorrenti. Negli stessi giorni della kermesse dell'Ariston, la Città dei fiori ospita il primo Festival della canzone cristiana.
Espana Vaciada, la nuova forza politica che si oppone allo spopolamento delle aree rurali della penisola iberica
La Revuelta buona
Ospedali e scuole nei villaggi. E collegamenti più efficienti. Sono gli obiettivi di España vaciada, movimento nato a settembre per evitare lo spopolamento delle aree rurali del Paese. Una forza che potrebbe incrinare la diarchia di Psoe e Ppe.
Dalle leggi per le limitazioni al diritto di voto alla fuga dei funzionari: l'anno da incubo della democrazia americana
Capitol kill
L'assalto al Campidoglio innescato dalle parole di Trump, le norme degli stati per complicare l'esercizio del voto e la grande fuga dei funzionari dagli uffici. Perché il 2021 sarà ricordato come l'anno orribile della democrazia americana.
Negli Stati Uniti l'estrema destra americana si sta riorganizzando su base regionale, dove le platee sono più ampie e i controlli minori
Il fascio della prateria
Ridimensionato l'attivismo nazionale a causa della stretta di Washington, l'estrema destra Usa è ripartita dalla periferia. Dove i gruppi locali attirano no vax, genitori reazionari e complottisti, grazie alla polizia che spesso chiude un occhio.
L'ultimo in ordine di tempo è comparso a Bailiff Bridge, ma da Torino a Londra ecco quali sono gli alberi di Natale più brutti
Gli Spelacchi degli altri
L'ultimo in ordine di tempo è spuntato a Bailiff Bridge, nel Regno Unito. Illuminato a metà perché piazzare le luci in alto sarebbe stato pericoloso. Dallo "zerbino" di Torino al tradizionale dono dei norvegesi a Londra: gli alberi di Natale più brutti al mondo.
Il cambiamento climatico sta ampliando il deserto di Sonora al confine tra Usa e Messico, qui ogni anno muoiono 350 persone.
La via della sete
Il cambiamento climatico sta ampliando il deserto di Sonora, territorio tra Messico e Stati Uniti attraversato dai migranti per eludere i controlli di frontiera. E dove le temperature infernali uccidono ogni anno almeno 350 persone.