Andrea Muratore

La silenziosa ascesa di Chiara Colosimo, la "sorella" politica di Giorgia Meloni
Le matriote
Dalla militanza comune alla Garbatella alla corsa a Palazzo Chigi: chi è Chiara Colosimo, la fedelissima di Giorgia Meloni, con cui ha condiviso anni di battaglia politica. Fa parte della Generazione Atreju ed è la meno conosciuta tra le figure in ascesa di Fratelli d'Italia. Ora potrebbe diventare ministra.
Matteo Salvini sotto assedio: perché sulla Lombardia si gioca tutto
La piccola vendetta lombarda
I colonnelli della Lega vogliono sfruttare un eventuale flop di Salvini sulla scelta del nome per il Pirellone per defenestrarlo. Letizia Moratti e Giorgia Meloni gli preparano lo scherzetto. E il Carroccio vuole rigenerarsi archiviando lui e la fase di lotta, per tentare la carta del "buon governo".
Descalzi resta ad o via alla successione? Come sarà l'Eni targata Meloni
Eni via con me
L'ad Claudio Descalzi è pronto per il quarto mandato. Ma la Meloni punta ad averlo come ministro di peso nel suo governo. Se così fosse, per la guida del Cane a sei zampe in ballo ci sono due interni: Guido Brusco, manager in grande ascesa. E Lapo Pistelli, capo delle relazioni istituzionali, che punta sul legame con Crosetto.
ambrosetti: chi sta dietro alla società del forum
I principi del Forum
Con un fatturato di oltre 39 milioni e un utile di 4 milioni e mezzo, la società che cura il tradizionale appuntamento di Cernobbio continua a crescere. Dall'azionista di maggioranza Ganesh di Grazioli e De Molli agli altri soci, chi gestisce questa macchina da soldi.
La crisi energetica e le ricadute sull'industria di Brescia
Leonessa in gabbia
A Brescia, nel cuore industriale della Lombardia, la crisi energetica picchia sempre più duro. Molte aziende vanno verso la cassa integrazione. Feralpi ha richiesto ammortizzatori fino al 30 novembre. E il futuro non promette niente di buono. Lo scenario.
Perché il nodo delle nodo nomine è la grande sfida di Giorgia Meloni
Nodo giorgiano
Meloni studia da premier e si sta rendendo conto di quanto la partita delle nomine sia decisiva e complicata. Soprattutto senza una solida classe dirigente di area a disposizione. Per questo sarebbe orientata a garantire continuità con il sistema esistente.
Musumeci e Fontana al bis, Lollobrigida nel Lazio: i patti nel centrodestra sulle Regioni
Region di Stato
Fratelli d'Italia dà il via libera al Fontana-bis in Lombardia. E incassa semaforo verde per Musumeci in Sicilia. Francesco Lollobrigida, cognato della Meloni, può correre nel Lazio roccaforte del Pd. Così i partiti di destra hanno chiuso l'accordo sulle tre Regioni.
Franceschini, Giorgetti, Letta: la crisi affonda i numeri due
La solitudine dei numeri due
Franceschini costretto a rottamare il campo largo a cui aveva lavorato. Gianni Letta spiazzato dal cerchio magico del Cav. Giorgetti deve raccogliere i cocci lasciati da Salvini. Così la caduta del governo Draghi ha relegato i pontieri ai margini.
Milano -Il patto Meloni-Moratti sull'asse Milano-Roma
Croce e Letizia
Meloni e Moratti hanno un obiettivo comune: scalare il centrodestra e ridimensionare la Lega. Per la vicepresidente di Regione Lombardia sarebbe già pronto un ministero di peso. O qualcosa di più se la leader di Fdi non andasse a Palazzo Chigi.
Letta - Meloni. Da destra a sinistra, i dilemmi elettorali tra liste e collegi
Hasta la lista
Fratelli d'Italia chiede spazio al Nord nelle roccaforti leghiste. Salvini risponde proponendo sue candidature negli uninominali al Centro-Sud. Il Pd in alto mare, tergiversa con Calenda, rompe coi grillini e teme l'accerchiamento. A due mesi dal voto, come si stanno componendo le coalizioni.
Perché i renziani attaccano Sarzanini sui legami con i servizi
La porti un ceffone a Fiorenza
Luciano Nobili, pasdaran renziano, in un'interrogazione parlamentare chiede conto dei rapporti tra la vicedirettrice del Corriere Sarzanini e l'intelligence. Ultimo capitolo della guerra di Italia viva. Che mira a conquistare più spazio sulle pagine del quotidiano.
Fratelli d'Italia vuole conquistare Milano, ma Meloni frena
Santa alleanza
Fdi vuole accreditarsi al Nord come partito di governo. Così, dopo la tre giorni di aprile, Daniela Santanché e la componente lombarda organizzano una nuova convention autunnale. Ma Meloni e lo stato maggiore romano per ora frenano.