Alternanza scuola-lavoro: muore un 16enne nelle Marche

Redazione
14/02/2022

Giuseppe Lenoci, studente di 16 anni è morto in un incidente stradale a Serra de’ Conti, nell’Anconetano: era a bordo...

Alternanza scuola-lavoro: muore un 16enne nelle Marche

Giuseppe Lenoci, studente di 16 anni è morto in un incidente stradale a Serra de’ Conti, nell’Anconetano: era a bordo di un furgone di una ditta presso cui stava facendo uno stage. Il conducente, un 37enne, è rimasto gravemente ferito. Lo studente era iscritto al corso triennale presso il centro di formazione professionale Artigianelli di Fermo e, da quanto si è appreso, stava svolgendo un percorso di alternanza scuola-lavoro in termoidraulica. Si tratta della seconda morte di uno studente dopo quella di Lorenzo Parelli.

Il ministro Bianchi: «La sicurezza sul lavoro deve essere sempre garantita»

Patrizio Bianchi, dopo aver appreso la notizia, ha lasciato un convegno a cui stava partecipando. «Purtroppo c’è stato un incidente, un ragazzo che stava facendo un corso di formazione professionale della Regione Marche è rimasto ucciso in un incidente stradale, devo ovviamente andare…», ha detto il ministro dell’Istruzione.  «Esprimo il mio più profondo dolore e vicinanza alla famiglia», ha aggiunto Bianchi. «La sicurezza sul lavoro deve essere sempre garantita, a maggior ragione quando sono coinvolti dei ragazzi in formazione. Su questo abbiamo già avviato un confronto con il ministro del Lavoro Andrea Orlando e messo a ragionare i nostri tecnici. Credo sia urgente ritrovarci anche insieme alle Regioni per un percorso che porti a una maggiore sicurezza in tutti i percorsi di formazione dove sono previsti contatti dei nostri giovani con il mondo del lavoro».

La protesta dei movimenti studenteschi

Proteste da parte dei movimenti studenteschi. «Questa morte si aggiunge a una lunga lista di morti sul lavoro e all’interno delle scuole morti causati da un sistema malato, volto solamente al profitto», ha dichiarato Luca Redolfi, coordinatore nazionale dell’Unione degli studenti. «Vogliamo sicurezza dentro e fuori le scuole, vogliamo che l’alternanza scuola lavoro e gli stage vadano aboliti a favore dell’istruzione integrata che metta in critica il sistema produttivo attuale per costruire dai luoghi della formazione un modello diverso di società».