Guten Tag

Redazione
20/10/2021

Il 20 ottobre 2014 moriva l'attrice Lilli Carati. Tag43 vi dà il buongiorno con una scena di Avere vent'anni, suo primo successo cinematografico del 1978.

Guten Tag

Il 20 ottobre 2014 moriva Lilli Carati. Attrice soft porn e hard, inizia la sua carriera nella moda e nel 1974 raggiunge la finale di Miss Italia. Il suo primo film di successo è del 1978, Avere vent’anni di Fernando Di Leo, in cui è protagonista insieme a Gloria Guida. La commedia inizialmente non va bene al botteghino, ma negli anni successivi diventa un vero e proprio cult. L’anno successivo recita nel film Il corpo della ragassa, tratto dal romanzo di Gianni Brera, e diretto dal suo compagno Pasquale Festa Campanile; nel 1980 è la protagonista di Qua la mano, al fianco di Adriano Celentano. Dal 1985 gira con Joe D’Amato il trittico L’alcova, Il piacere, Voglia di guardare. Dal soft porno passa all’hard vero e proprio nell’87 con Una moglie molto infedele diretto da Giorgio Grand, sul cui set incontra Rocco Siffredi. Sempre con Grand Carati gira Una ragazza molto viziosa, Una scatenata moglie insaziabile e Il vizio preferito di mia moglie. Nello stesso periodo entra nel tunnel della droga, finendo isolata dai colleghi ed emarginata dallo showbiz. Anni dopo, nel documentario Rai Lilli, una vita da eroina, ammette che iniziò a girare film hard perché aveva bisogno di soldi per comprarsi la droga. Nel 2011, dopo due tentativi di suicidio e la disintossicazione, avrebbe dovuto recitare in un nuovo film a 24 anni di distanza dall’ultima volta. Le è però diagnosticato un tumore al cervello, a causa del quale muore tre anni dopo a soli 58 anni. Tag43 vi dà il buongiorno con una scena tratta proprio dal suo primo successo, Avere vent’anni.