Guten Tag

Redazione
18/10/2021

Il 18 ottobre 2011 moriva Andrea Zanzotto. Tag43 vi dà il buongiorno con un frammento di Ritratti, film di Marco Paolini e Carlo Mazzacurati sul grande poeta e intellettuale.

Guten Tag

Il 18 ottobre 2011, moriva Andrea Zanzotto, uno dei più grandi poeti e intellettuali italiani del Novecento. Nato il 10 ottobre 1921 a Pieve di Soligo, in provincia di Treviso, Zanzotto è stato anche un saggista e un critico letterario, ottenendo un successo straordinario anche all’estero, soprattutto in Francia. Durante la Seconda Guerra mondiale partecipò alla Resistenza nelle file delle formazioni di Giustizia e Libertà, un’esperienza mai dimenticata: il poeta infatti fu anche presidente onorario dell’Anpi di Treviso.

Zanzotto nelle parole degli altri poeti

«Un poeta percussivo, ma non rumoroso: il suo metronomo è forse il batticuore». Con queste parole Eugenio Montale descriveva Zanzotto. «Ecco il primo elogio che voglio fare a Zanzotto», disse di lui Giuseppe Ungaretti, «egli è un poeta libero». Un «alchimista della parola» lo definì Attilio Bertolucci, padre dei registi Bernardo e Giuseppe, apprezzando l’inarrestabile ricerca lessicale del poeta veneto. Zanzotto invece si sentiva legato quasi fraternamente a Pier Paolo Pasolini, considerato un intellettuale-maestro.

Zanzotto, il cinema e la collaborazione con Federico Fellini

Nel 1976 Zanzotto collaborò al Casanova di Federico Fellini. Il sodalizio tra i due continuò anche con altri film del regista riminese tra cui La città delle donne (1980) e costituirà per il poeta l’occasione di indagare sull’universo affascinante della settima arte. Riflessioni – articoli, poesie e saggi – raccolte nel volume Il cinema brucia e illumina («Qualche òlta ‘l cine arzh brusa e fa ciaro [.] e ‘l cine – squasi – ‘l par lu la poesia [.] Ma ben i é rari quel che pól far ‘sto cine», scriveva Zanzotto). Tag43 vi dà il buongiorno con un frammento di Ritratti, film su Zanzotto realizzato nel 2000 da Marco Paolini e Carlo Mazzacurati, in cui il poeta legge A San Gallo che protegge il sonno.